Menopausa: la continuazione dovrebbe

Entrando in questa fase naturale per la vita di ogni donna, molti ammettono che iniziano a sentirsi … come se invisibili – per gli altri e per se stessi. Ma la menopausa non significa la fine della femminilità e dell’attrattiva.

“Mi sento perso, non penso alla mia attrattiva, come se riesco già a pensarci”, ammette il 52enne Tamara. – smetto di comportarmi come una donna che puoi desiderare: ho paura di sembrare divertente. “Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita è cresciuta, l’età media della maternità è stata spostata in una data successiva, sempre più mezzi sembrano estendere i giovani del viso e del corpo: le donne di 50 anni di oggi non sono come quelle Erano i loro coetanei nelle generazioni precedenti. Tuttavia, né i cosmetici né la vita attiva e ricca annullano le leggi della fisiologia: di conseguenza, per molte donne moderne, l’arrivo della menopausa sta diventando un evento sempre più sensibile e “ingiusto”. “In questo momento, la donna sta vivendo una crisi, spostandosi internamente e fisicamente da uno stato all’altro”, ricorda la psicoterapeuta Ekaterina Mikhailova. – E chi diventerà, avendo fatto la transizione, ovviamente, la disturba.

Esperienza unica

In senso psicologico, la menopausa influisce sul nostro atteggiamento nei confronti della maternità e della

Per il sesso normale, potrebbe non esserci il momento, ma non è un motivo per provare qualcosa di nuovo? Avendo portatolo nella doccia finché i bambini non comunicano con sua nonna, restano un Kamagra online sicuro di minuti nel seminterrato, dove scendevano dietro i cetrioli salati. Sarebbe un desiderio!

femminilità, e quindi “questo periodo è unico: ognuno lo sperimenta a modo suo”, continua Ekaterina Mikhailova. – Si sente sollievo dal fatto che non ha più mestruazioni e sente il take -off della sessualità. E l’altro è triste: il suo corpo ha perso la capacità di concepimento – che in senso simbolico significa per lei la perdita della femminilità. Tutto dipende da ciò che risponderà nella sua anima: tristezza per la maternità poco appariscente, paura dell’arto della sua stessa vita o stupore: come è separare la propria sessualità dalla capacità di concepire un bambino? “Perduto;vergogna;ansia;perdono;amarezza;umiliazione;Libertà;Paura;Speranza;coraggio;confusione;risentimento;pace. ” – Ecco come i partecipanti ai gruppi psicoterapici descrivono i loro sentimenti. “Un atteggiamento comune è credere che da ora in poi noi donne non siano interessati a nessun altro”, afferma Ekaterina Mikhailova. – Socio – perché il tempo sta finendo quando eravamo utili, uomini – perché perdiamo l’attrattiva, il mondo nel suo insieme – perché perdiamo la funzione riproduttiva. Certo, tutto potrebbe non essere così – se supponiamo che la nostra unica vita non sia obbligata ad adattarsi agli stereotipi. In questa installazione, molto è davvero “considerato” dalla realtà: le mogli sono cambiate in giovani;I datori di lavoro sono interessati alla donna di età inferiore ai cinquant’anni, sentendosi incerta, cerca di non perdere il loro posto;Nei testi della cultura di massa, in generale, dopo trent’anni non c’è vita. È importante non solo resistere a questi stereotipi, ma anche per capire: oltre a noi stessi, capace di una visione indipendente della vita e di noi stessi, non c’è nessuno a trovare nuovi obiettivi e significati per i prossimi anni. La menopausa, come qualsiasi transizione di vita, è associata non solo alle perdite. La risoluzione della crisi implica sempre lo sviluppo, l’emergere di una nuova immagine inaspettata del futuro, che vale la pena cambiare qualcosa nella vita con la tua mano “. Lo psicoterapeuta insiste: ogni donna ha bisogno di capire cosa sta succedendo con lei, per realizzare i cambiamenti per poter sopravvivere questa volta a modo suo, senza ripetere il percorso di qualcuno. E oggi molti hanno un tale desiderio. “Sempre più donne mostrano cure attive di se stesse”, afferma il ginecologo Marina Shailimo. – Se prima sono venuti con lamentele di benessere, oggi stanno trattando domande su cosa fare. A cinquanta, si sentono nel mezzo della vita e cercano di renderlo attivo, pieno, creativo … ”Ma questo richiede conoscenza.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *